Sporco Lobbista – Il blog di Fabio Bistoncini

Pubblicato da Fabio Bistoncini il 11/04/2016 & archiviato in In evidenza, Lobbying

Massimo Teodori sulle lobby

teodori

Su Il Messaggero di oggi è pubblicata una lucida analisi di Massimo Teodori sulla necessità di una regolamentazione del lobbying.

Inquadrando il fenomeno nell’ambito delle dinamiche vitali delle democrazie pluraliste dove gli interessi si confrontano (e scontrano) alla luce del sole.

E spiegando quindi il reale significato di una parola che evoca pratiche illecite o truffaldine.

Lobby non indica altro che un soggetto collettivo che difende interessi di qualsiasi tipo – oltre che economici, sindacali, etici, ambientali, religiosi, sociali eccetera – al fine di influenzare l’opinione pubblica e le istituzioni.

Ma soprattutto evidenziando i motivi culturali (e politici) che hanno impedito una seria regolamentazione nel nostro Paese.

La regola del “tengo famiglia o tengo partito”, descritta da Teodori, ha di fatto bloccato la legittimazione del principio che i gruppi d’interesse sono liberi di svolgere la propria azione in modo indipendente e senza condizionamenti politici.

Da leggere assolutamente.

Intesto dell’articolo è qui.

 

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*