Sporco Lobbista – Il blog di Fabio Bistoncini

Pubblicato da Fabio Bistoncini il 09/12/2013 & archiviato in Politica

Cyber Security

Oggi pomeriggio sono andato a seguire il Convegno all’Università La Sapienza, dove veniva presentato il Rapporto 2013 sulla Cyber Security Nazionale, redatto dal CIS (Centre of Cyber Intelligence and Information Security).

Aula del rettorato strapiena con molti esperti del settore.

Alcuni spunti di riflessione tratti dagli interventi di Roberto Baldoni (responsabile del Centro), Marco Minniti (Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alla Sicurezza) e dalla Tavola Rotonda successiva.

Gli attacchi nel c.d. “cyberspazio” stanno aumentando in modo esponenziale.

Nel 2012 si sono contati 556 milioni di reati cibernetici.

Anche in questo campo si assiste ad una “guerra” asimettrica. Programmi e strumenti di hackeraggio diventano sempre più potenti e sempre meno costosi. Quindi si moltiplicano le possibilità di attacco a Istituzioni e aziende connesse alla rete.

Particolarmente delicato e potenzialmente vulnerabile è il settore delle “utilities” (energia, trasporti, reti elettriche, telefoniche, ecc.).

Tutti convengono sulla necessità di avere una strategia per la sicurezza in ambiente informatico.

Anche perchè la cyber security  sarà il campo dove si misureranno i sistemi paese nei prossimi 30 anni.

Per costruire un sistema di difesa nazionale è  fondamentale la collaborazione tra tre macro soggetti: Istituzioni pubbliche, aziende private, Università.

L’Italia e pronta?

Passi avanti, con la recente riforma della legge istitutiva dell’intelligence italiana, sono stati fatti ma siamo ancora un paese fragile.

Una delle sfide, per un sistema democratico, è quella di coniugare sicurezza e libertà degli individui.

E’ sempre più sentita come un’urgenza la definizione di una governance del sistema internet a livello internazionale.

Le risorse necessarie sono sempre più rilevanti. Si pensi che il solo bilancio della NSA americana del 2012 è di circa 10 miliardi di dollari. Più o meno quanto una nostra legge finanziaria.

Molto interessante.

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*