Sporco Lobbista – Il blog di Fabio Bistoncini

Pubblicato da Fabio Bistoncini il 24/06/2015 & archiviato in In evidenza, Politica

Wattpad

wattpad-logo

 

Sono sempre più affascinato dalle ricadute determinate dalla disintermediazione.

Oggi mi sono imbattuto in questa intervista su Repubblica di Federico Rampini ad Allen Lau, fondatore della community di scrittori e lettori più importante al mondo: Wattpad.

40 milioni di utenti, 125 milioni di testi, un ritmo di crescita di 250 mila nuovi testi al giorno.

In pratica Wattpad mette in diretta relazione gli scrittori con i propri lettori. Lau definisce la piattaforma un vero e proprio “ecosistema”. Concepita per chi legge non più (e non soltanto) i testi sugli e-reader o tablet ma direttamente sugli smartphone.

E lo fa quando ne ha l’opportunità: in metro, in coda al supermarket o mentre attende di imbarcarsi in aereo.

Dal momento che il tempo a disposizione per la lettura è molto poco, gli autori scrivono capitoli brevi della durata di 15 minuti ciascuno.
Li mettono on line in piena autonomia, quando sono pronti: senza un terzo che revisioni il loro lavoro o che li solleciti alla pubblicazione.

Chi legge interagisce, commenta, suggerisce, fornisce spunti per lo sviluppo della storia che gli autori sono liberi accettare o meno.

Molti scrittori riescono poi a farsi pubblicare i libri di maggior successo dalle case editrici. L’ultimo caso in ordine di tempo è After di Anna Todd a cui Wired ha dedicato un articolo.

A conclusione dell’intervista Lau sostiene che la community di Wattpad è per la maggior parte sotto in trent’anni di età:

una generazione che non si accontenta di fruire, leggere una storia: vuole essere parte della storia stessa.

A parte la curiosità personale ritengo che questi fenomeni non possono non avere conseguenze anche sui temi a me più vicini come quello della rappresentanza politica e degli interessi particolari.

 

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*