Sporco Lobbista – Il blog di Fabio Bistoncini

Pubblicato da Fabio Bistoncini il 10/05/2016 & archiviato in In evidenza, Lobbying

Consigli americani sulla regolamentazione del lobbying

Schermata 2016-05-10 alle 17.19.46

Il Fatto Quotidiano pubblica un articolo di Stefano Feltri su una conferenza, organizzata dal Centro Studi Americani, a cui ha partecipato Craig Holman.

Fondatore di Public Citizen, uno dei più importanti gruppi d’interesse americani che ha come obiettivo principale la trasparenza del processo decisionale.

Public Citizen serves as the people’s voice in the nation’s capital.

Si legge sul sito dell’organizzazione.

Nessuna demonizzazione del lobbying, nessuna chiusura ideologica. Un approccio pragmatico, a volte anche duro, per ridurre il potere d’influenza dei gruppi d’interesse economici maggiormente presenti a Washington.

La ricetta di Craig Holman per una buona normativa italiana?

1. definizione precisa dell’attività di lobbying;

2. registro dei lobbisti consultabile on line;

3. divieto delle “revolving doors” . Che significa prevedere un periodo di tempo (due anni?!?) in cui sia vietato il passaggio dalla politica o dalla pubblica amministrazione al settore privato.

Tutto molto semplice.

Per questo, in Italia, complicatissimo…

 

Post correlati

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>