Sporco Lobbista – Il blog di Fabio Bistoncini

Pubblicato da Fabio Bistoncini il 23/06/2016 & archiviato in In evidenza, Politica

Stefano Parisi

Il presidente di Confindustria Digitale Stefano Parisi, dura

Oggi su Il Corriere della Sera c’è un’interessante intervista a Stefano Parisi sullo stato di salute del centro destra.

Anche alla luce del buon risultato ottenuto a Milano alle comunali, nonostante la sconfitta al ballottaggio.

Ci sono alcune informazioni che possono essere utili per comprendere il futuro della coalizione, non solo nella città.

Nei giorni immediatamente successivi è stata la Lega, alle prese con un forte ridimensionamento elettorale soprattutto in Lombardia, ad attaccare Parisi.

Poco politico, troppo distante dai partiti, troppo moderato e così via.

Critiche ingenerose per un candidato che, in quattro mesi, è riuscito a rigenerare la proposta elettorale del centro destra con un mix di pragmatismo, visione della città, dialogo costante e capacità decisionale.

Tutte qualità che è riuscito a trasmettere al proprio elettorato coinvolgendolo, galvanizzandolo con un risultato superiore alle più rosee aspettative.

Poi certo, anche i parti hanno svolto il loro lavoro.

Nell’intervista Parisi rivendica, con giusto orgoglio, quanto ottenuto.

E suggerisce anche una strada per la rinascita che si articola in tre punti:

– opposizione non di facciata ma di merito, nella gestione dei singoli dossier. Non rimanendo chiusi nell’aula di Palazzo Marino ma aprendosi ai cittadini. La stessa cosa dovrebbero fare su scala nazionale, aggiungo io;

– nuovi linguaggi e un nuovo approccio alla politica che passa attraverso la costruzione di una piattaforma programmatica moderata;

– ricambio generale della leadership. Senza ansie di rottamazione ma ricercando una nuova classe dirigente.

Anche per questo ultimo punto Parisi smentisce le voci che lo davano come possibile leader nazionale.

Tre punti chiari e non banali.

Bisogna vedere adesso se i partiti a cui fa riferimento saranno disponibili a seguire questo percorso.

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*